Riguardo all'attualità politica, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Vittoria Baldino, deputata quota M5S.

Come commenta lo strappo attuato da Matteo Renzi?

"Dalla conferenza stampa ho capito che ciò che più di tutto non tollera è la popolarità di Conte. Ciò che si sta giocando sulla pelle del Paese è una battaglia squisitamente egoistica e personale".

A suo giudizio, nella valutazione di Renzi, ha influito anche la visione che ha Conte dell'Europa?

"Forse Renzi avrebbe gradito che il suo successore fosse percepito meno vicino alla gente e più ai politici che ha al suo fianco, meno rassicurante agli occhi dei cittadini e più confortevole a quelli dei suoi amici, un po’ meno determinato a far valere le ragioni dell’Italia in Europa e più incline a calarsi le braghe di fronte allo strapotere della tecnocrazia, un po’ meno gentleman è un po’ più bomba".

Quali sono le conclusioni che trae, in chiave definitiva?

"Sarebbe esilarante se non fosse che siamo nel bel mezzo di una epidemia mondiale, della campagna di vaccinazione di massa più imponente della storia, della crisi economia più grave del dopoguerra, con un Paese da ricostruire e decine di migliaia di persone che hanno perso la vita nel peggiore dei modi. Mentre oggi il bollettino quotidiano ci consegnava il numero di 507 morti, negli stessi minuti un bulletto toscano faceva cadere il presidente più amato degli ultimi venti anni. E lo faceva cadere proprio per questo. Non è ancora il tempo del costruttori, Presidente Mattarella. Ma di distruttori ne è pieno il mondo...".

Sezione: Esclusive / Data: Ven 15 gennaio 2021 alle 13:30
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print