Il presidente della Commissione Esteri di Palazzo Madama, il senatore del Movimento 5 Stelle Vito Petrocelli, dichiara: "Una pericolosissima guerra rischia di riesplodere alle porte dell'Europa: il conflitto congelato tra Armenia e Azerbaigian per il controllo della regione separatista del Nagorno-Karabakh, che nei primi anni '90 causò oltre trentamila morti e un milione di sfollati. I violenti scontri armati con uso di artiglieria avvenuti ieri rappresentano una gravissima violazione del cessate il fuoco del 1994 e un enorme ostacolo alla ripresa dei negoziati da tempo in stallo. Baku denuncia provocazioni militari da parte armena e afferma che il governo di Yerevan che supporta i separatisti del Nagorno-Karabakh blocca da tempo ogni negoziato. Rivolgo un appello al rispetto del cessate il fuoco e delle quattro risoluzioni delle Nazioni Unite del 1993 che, a difesa del diritto internazionale e dell'integrità nazionale dell'Azerbaijan, chiedono il ritiro delle truppe armene filo-separatiste dai distretti occupati dalle forze armene e dai separatisti del Nagorno-Karabakh. La comunità internazionale intervenga prima che la situazione degeneri in una nuova inaccettabile guerra".

Sezione: Politica estera / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 11:20 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
Vedi letture
Print