Il 15 maggio del 2006 Giorgio Napolitano ha cominciato il suo mandato come undicesimo Presidente della Repubblica Italiana. Cinque giorni prima era stato eletto alla quarta votazione con 543 voti su 990 votanti dei 1009 aventi diritto. Ha giurato appunto il 15 maggio dopo le dimissioni anticipate di Carlo Azeglio Ciampi. È il primo esponente proveniente dal PCI a ricoprire la più alta carica dello Stato italiano, nonché il primo proveniente da un gruppo parlamentare (L’Ulivo) dopo la caduta della cosiddetta Prima Repubblica. Il 20 aprile 2013 un ampio schieramento parlamentare chiede a Giorgio Napolitano la disponibilità a essere rieletto come Presidente della Repubblica. In seguito al suo assenso, viene riconfermato in carica alla sesta votazione con 738 voti su 997 votanti dei 1007 aventi diritto. Il 14 gennaio del 2015 rassegna invece le dimissioni, preannunciate nell’ultimo messaggio di fine anno, per via di difficoltà legate all’età.

Sezione: RicorDATE? / Data: Ven 15 maggio 2020 alle 08:00
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print