Riguardo all'autorizzazione a procedere da parte del Senato contro Matteo Salvini sulla vicenda Open Arms e allo scenario politico in Piemonte, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Paolo Furia, segretario Pd nell'ambito del territorio sopracitato.

Partiamo dalla vicenda Open Arms: qual è la sua chiave di lettura?

"Sulla vicenda Open Arms mi si consenta di dire che l'ex Ministro degli Interni Salvini ha governato con slogan e superficialità e non ha risolto nessun tipo di problema su Mediterraneo e immigrazioni: per poterlo risolvere devi avere una visione di politica estera ben precisa sulla Libia, cosa che il leader della Lega non ha avuto. Ha mostrato i muscoli soltanto per qualche voto e like, poi però la sua arroganza lo ha portato a cadere. Non è un politico assolutamente maturo".

Come sta gestendo, a suo giudizio, la Giunta Cirio l'emergenza Covid in Piemonte?

"Per quanto riguarda il Covid abbiamo ottenuto una commissione sulla vicenda della gestione difficoltosa nei mesi difficili della Fase 1, ma ancora questioni aperte: penso al fatto che è molto difficile prenotare degli esami e superare liste di attesa che si sono determinate a causa della cattiva distribuzione delle risorse umane e del personale durante l'emergenza Covid. Ma a furia di fare distinzioni tra ospedali Covid e non si è riusciti ad ottenere qualche risultato. A nostro giudizio, l'operato dell'assessore Icardi resta insufficiente".

Come procedere l'iter di allestimento della coalizione di centrosinistra su Torino?

"Il centrosinistra torinese cerca di andare da Italia Viva, a Più Europa sino ad Azione, inclusa Sinistra Civica e Leu, oltre a noi che vogliamo essere il baricentro dell'alleanza. L'importante è che l'alleanza si costruisca intorno ad un progetto concreto: Torino è una città in grande difficoltà: abbiamo avuto una fase propulsiva grandissima, con le politiche culturali degli anni 90' e 2000, culminate con le Olimpiadi. Ora dobbiamo puntare su altri drive, come innovazione sociale e tecnologica. Poi c'è la priorità anche sul lavoro: bisogna attrarre investitori, nell'ottica di un alleggerimento del proprio debito. Candidato sindaco? Deve incarnare ovviamente i principi di questo progetto".

Sezione: Esclusive / Data: Ven 31 luglio 2020 alle 13:00
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print