In merito allo scenario politico attuale e alle prospettive economiche future, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Luca De Carlo, deputato di Fratelli d'Italia.

Onorevole De Carlo, il tanto agognato autunno è praticamente dopodomani. A suo giudizio quali errori sta compiendo il governo nel processo di ricostruzione economica?

"Processo di ricostruzione economica? Qui c'è da essere seriamente preoccupati. Siamo governati da un esecutivo che non ha ancora detto con chiarezza che cosa intende fare degli 80 miliardi di scostamento di bilancio, che hanno ottenuto anche grazie al voto decisivo di noi dell'opposizione. Se non si fa in fretta, qui si rischia davvero un autunno drammatico".

Rileva un eccesso di frizioni all'interno della maggioranza?

"Qui siamo di fronte ad un governo composto da forze che stanno insieme solo per mantenere la poltrona e escludere il centrodestra, che sarebbe votato dalla maggioranza degli italiani. Inevitabilmente ciascun provvedimento è caratterizzato da un compromesso, che - inevitabilmente - tende al ribasso. A rimetterci è però il paese".

E dentro il centrodestra? Berlusconi non ha del tutto escluso l'apertura ad eventuali maggioranze alternative, senza passare dal voto: temete un suo possibile sostegno al Governo Conte?

"Non credo che Berlusconi, francamente, sosterrà Conte: ne uscirebbe non penalizzato elettoralmente... di più! Non credo proprio che un elettorato di centrodestra moderato accetterebbe un governo insieme a 5 Stelle, Leu e Pd".

Che idea si è fatto invece in merito alla richiesta, da parte di Fi, di una sua riabilitazione politica?

"Mi sembra corretto: ha subito un'ingiustizia. Non sarà più il Berlusconi di dieci anni fa, ma - se ha subito un torto - è giusto che recuperi la sua agibilità".

Sezione: Esclusive / Data: Mar 07 luglio 2020 alle 10:30
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print