L'esponente del Pd Paolo Furia scrive sulla pagina Facebook del Partito democratico: 

"Andrea Piumatti aveva 20 anni, solamente venti, quando venne trucidato dai nazifascisti. Si era arruolato, sì, ma nella Resistenza. Dopo aver rifiutato di rispondere ai bandi della Repubblica di Salò. E in quella piazza, nella piazza in cui fu ucciso con vari colpi di pistola sul corpo e alla tempia, da oltre 70 anni vi era una targa per ricordarlo. Per ricordare il coraggio della sua scelta e la barbarie che gli toccò subire. Ecco, dopo oltre 70 anni, in piazza Carlo Alberto, a Torino, quella targa non c'è più. È stata sradicata e portata via dai criminali protagonisti della guerriglia urbana. "Martire dell'eterna libertà", questo recitava la targa adottata per commemorarlo. Andrea Piumatti ci ha rimesso la vita, per la libertà. Usarla per giocare a sfasciare tutto è un'offesa non a lui ma a voi stessi".

Sezione: Politica social / Data: Gio 29 ottobre 2020 alle 10:30
Autore: Camilla Galvan
Vedi letture
Print