A Firenze Ubaldo Bocci si è dimesso dal ruolo di coordinatore del centrodestra in Palazzo Vecchio a seguito delle polemiche sul bonus di 600 euro dell'Inps. Bocci, già candidato a sindaco contro Dario Nardella, resta nella carica di consigliere comunale. "Ho comunicato la mia decisione ai tre capogruppo di Fi, Fdi e Lega di lasciare l'incarico di coordinatore del centrodestra in consiglio comunale - spiega all'Ansa - Sono uomo di centrodestra e poiché mi rendo conto che in questa fase la mia figura è divenuta ingombrante, di ostacolo, ho deciso per lealtà verso la coalizione di lasciare questo ruolo". Bocci ribadisce di aver preso il bonus "per smascherare una legge fatta male" e di averlo destinato "a beneficenza". "Il mio errore - aggiunge - non è stato percepire il bonus e poi darlo in beneficenza, ma ex post, col senno di poi, l'errore è stato non averlo restituito all'Inps dopo aver dimostrato l'approssimazione di questa legge"

Sezione: Politica locale / Data: Mer 12 agosto 2020 alle 16:00
Autore: Rosa Doro
Vedi letture
Print