“Le parole contro l’Italia dell'eurodeputato olandese Derk Jan Eppink, esponente dell’Ecr, pronunciate al Parlamento europeo sono vergognose e venate da un profondo razzismo contro i Paesi mediterranei. Giorgia Meloni, Presidente dell’Ecr, non può fare finta di niente e continuare a tacere: si dissoci o sarà complice di questo duro attacco all’Italia. I fondi messi a disposizione dallo strumento del Next Generation EU non sono un regalo all’Italia come dichiara lo stesso Eppink, ma sono frutto di una precisa strategia di rilancio della nostra economia che ha sofferto più delle altre le conseguenze della pandemia. In questo caso Bruxelles non agisce come un bancomat ma come una comunità che ha a cuore il destino di tutti i suoi cittadini europei. Un’Italia più forte, tra l’altro, conviene in primis proprio alle tante aziende olandesi che hanno un rapporto privilegiato con il nostro Paese. Anziché pensare all’Italia a Eppink, piuttosto, chiediamo di risolvere i problemi che l’Olanda crea a tutti gli altri Stati membri con le sue politiche fiscali aggressive che ne fanno, di fatto, un paradiso fiscale. Tax Justice Network ha stimato che l’anno scorso i Paesi Bassi hanno sottratto al nostro Paese ben 1,5 miliardi di risorse”, così in una nota Mario Furore, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 20 gennaio 2021 alle 18:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print