"Le risorse del Governo al Porto di Trieste confermano la volontà dell'esecutivo nazionale di investire nelle infrastrutture del Paese e su uno scalo considerato strategico. Premiato ancora una volta il lavoro del Porto di Trieste che si è fatto trovare pronto con la progettualità per cogliere le risorse nazionali che sono state messe a disposizione". È il commento di Debora Serracchiani all'intesa in Conferenza unificata, che dà il via libera al decreto del ministero delle Infrastrutture per investire nei porti italiani 906 milioni, di cui 40 nel porto di Trieste. "Assieme alla decisione di MSC che fa di Trieste uno degli home-port della compagnia, è molto positiva la copertura del 100% dei progetti sviluppati dall'Autorita di Sistema del Mare Adriatico Orientale: gli investimenti in infrastrutture sono una delle basi essenziali per uscire dalla crisi Covid". Per Serracchiani "analoga attenzione e costanza sarebbe richiesta alla Regione che sembra aver abbandonato qualsiasi ambizione di potenziare le proprie infrastrutture strategiche. La Giunta Fedriga, che era pronta a sacrificare metà del finanziamento per l'intermodalità proprio del Porto di Trieste, non si lasci sfuggire l'occasione dell'imminente arrivo delle risorse europee".

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 08 agosto 2020 alle 23:15
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print