“In Puglia la decisione di chiudere le scuole di ogni ordine e grado fino al 5 marzo lascia sgomenti. Tutta la responsabilità politica per far tornare gli studenti a scuola in sicurezza, viene così scaricata sulle famiglie già stremate dalla crisi economica.  Il diritto allo studio non è garantito, mentre l’assessore Lopalco si dice coraggioso per le scelte prese. Dovrebbe solo vergognarsi e dimettersi, perché nulla è stato fatto per garantire la didattica in presenza, almeno ai più piccoli che mal sopportano la Dad. Queste scelte a danno dei bambini si ripercuotono inevitabilmente sulle famiglie e soprattutto sulle donne che lavorano. La scuola pugliese dunque ha aperto a singhiozzo e ora questa nuova chiusura di poche settimane non cambierà il seguito dell’anno scolastico, perché senza investire in sicurezza non si potrà garantire neanche dopo il 5 marzo la presenza in classe dei nostri ragazzi. I danni che la politica regionale sta facendo ai nostri figli è davvero scandalosa, non come dice Lopalco coraggiosa, perché ancora una volta a pagare la disattenzione e l’arroganza politica sono gli studenti. Spiegasse Lopalco come ha intenzione di garantire un’adeguata istruzione ai nostri ragazzi.  perché a mio avviso dovrebbe solo chiedere scusa e dimettersi”. Lo dichiara in una nota Vincenza Labriola, deputata di Forza Italia

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 20:15
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print