Altra autodenuncia, riportata dal portale Fanpage.it, sul bonus covid per le partite Iva, stavolta da parte di Federico Broggi, sindaco del comune di Solbiate Con Cagno, in provincia di Como: “Ho chiesto il bonus da 600 euro come libero professionista. E non l’ho fatto per rubare qualcosa, ma per un semplice e chiaro motivo: dopo l’ultima fattura del 26 febbraio, a marzo, aprile e maggio ho fatturato zero con la mia partita Iva. Non aspetto che qualcuno trafughi notizie né che l’Inps renda noti i nomi, ma preferisco dire subito che, pur essendo sindaco di un piccolo comune, ho chiesto il bonus. Il mio lavoro non è quello del sindaco (tra meno di 4 anni io ho finito), ma quello di fare selezione del personale; anche oggi sto dedicando più tempo al comune che al mio vero lavoro (pensate com’è felice la mia azienda!), perché ogni giorno - spiega il primo cittadino - Regione e Governo emanano norme su norme che poi ci smazziamo noi. Nonostante il non fatturato di 3 mesi, tra luglio e ottobre ho giustamente versato e verserò quasi 3.000 euro di contributi e tasse (perché a differenza di altri non evado); nonostante tutto ciò, ho continuato a saldare gli impegni presi negli anni precedenti, che, evidentemente, sono stati assunti sulla base delle entrate attese. In un anno fatturo meno di quanto guadagna un deputato in un mese. Nel 2019 con la mia partita iva ho fatturato, con 9 fatture, 17.100 euro lordi, cioè meno di quanto guadagna un deputato in un mese. C'è poi un altro aspetto, quello cioè della differenza di trattamento tra gli amministratori che lavorano come dipendenti e quelli a partita Iva. Mi si spieghi però perché se un amministratore comunale ha preso la cassa integrazione va bene, mentre se prendi i 600 euro no. Onestamente la differenza fatico a vederla".

Apprendo da internet che sindaci e consiglieri comunali che hanno richiesto i 600 euro all’INPS debbano essere...

Pubblicato da Federico Broggi su Lunedì 10 agosto 2020
Sezione: Politica italiana / Data: Mar 11 agosto 2020 alle 11:30 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
Vedi letture
Print