"Il Governo non scarica la responsabilità sugli enti locali, ma condivide le scelte e le responsabilità: il governo vuole riaprire le scuole, lo vuole fare in sicurezza, in accordo con gli enti locali e tende al 100% della presenza, ma è chiaro che questo obiettivo che noi non abbiamo per niente abbandonato, lo vogliamo raggiungere con la sicurezza dei ragazzi e degli insegnanti. C'è un problema che riguarda i trasporti, che il Governo precedente ha un po' dimenticato, noi abbiamo attivato un tavolo di confronto con il Ministro delle infrastrutture giovanili, con il Ministro Bianchi e Lamorgese, con le regioni, le province e i comuni, siamo tutti impegnati per far riaprire le scuole in sicurezza. Si parte dal 60%, ci saranno punte medie del 70-75% della presenza e chi riuscirà ad arrivare al 100%, laddove non c'è la sicurezza ci arriveremo gradualmente, mi sembra una scelta di buon senso". Lo ha detto la ministra per gli Affari regionali Mariastella Gelmini intervistata a Rtl 102.5. "Stiamo già lavorando per settembre ovviamente, in questo mese e mezzo che manca alla fine della scuola, noi ce la mettiamo tutta per riaprire e ci riusciamo, per farlo in sicurezza per arrivare, io credo, ad una media superiore al 60%" ha aggiunto. "Per evitare di ritrovarci nella stessa situazione a settembre, stiamo già lavorando alla riapertura dell'anno scolastico, il problema della mobilità è quello più delicato, ma c'è un approccio di condivisione delle responsabilità, evitare le polemiche e coniugare la necessità di far ripartire la scuola, ma con la sicurezza della vita dei ragazzi, degli insegnanti e delle loro famiglie".

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 21 aprile 2021 alle 12:35
Autore: Federico Luciani
Vedi letture
Print