Trapela molta irritazione, a quanto si apprende da fonti di Iv, dalle stanze del ministero dell'Agricoltura per l'ultimo Dpcm, in particolare per le misure particolarmente impattanti sull'agroalimentare. La ministra Teresa Bellanova avrebbe sollevato il tema nella capidelegazione di sabato in un "accesissimo confronto" con il ministro Speranza dopo aver appreso dal ministro il parere del Cts che, riferiscono le stesse fonti, alla chiusura alle 18 legava il rischio del diffondersi di riunioni conviviali nelle case ben oltre i soli conviventi. "Quella che esce su questo come sugli altri punti è una mediazione al ribasso", il parere espresso da Bellanova, che sarebbe ora al lavoro per quantificare le misure per sostenere l'agroalimentare. La ministra si mostra preoccupata anche dalle dichiarazioni dei ristoratori che indicano in diversi miliardi il presunto danno e che, osservano da Iv, smentirebbero in parte l'accordo con il settore della ristorazione garantito dal ministro Gualtieri nel corso della stessa capidelegazione.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 26 ottobre 2020 alle 15:30
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print