Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko afferma di aver ricevuto da Vladimir Putin una lettera "di cinque pagine" in cui vengono spiegati i fatti riguardanti i 33 presunti mercenari russi arrestati vicino Minsk a fine luglio, poco prima delle presidenziali bielorusse di oggi. Lo riportano le agenzie russe Interfax e Tass. Lukashenko ha detto che in una conversazione telefonica con Putin ha "rimproverato la Russia per essere passata da un rapporto fraterno a un rapporto di partenariato", ma ha anche aggiunto che, "se qualcuno si aspetta" che le relazioni tra Mosca e Minsk "si siano del tutto deteriorate, si sbaglia". La Bielorussia ha arrestato i presunti mercenari russi sostenendo che volessero fomentare una rivolta assieme all'opposizione in vista delle presidenziali.

Sezione: Politica estera / Data: Dom 09 agosto 2020 alle 16:15
Autore: Rosa Doro
Vedi letture
Print