Non c'è pace per Aung San Suu Kyi. L'ex leader birmana è nuovamente accusata di corruzione, come afferma il giornale statale 'Global New Light of Myanmar' che spiega come "ai sensi della sezione 55 della legge anticorruzione è stata accusata" dalla Commissione Anticorruzione del Paese. La Nobel per la Pace era già stata accusata di corruzione per avere accettato tangenti per 600mila dollari e 11 chili d'oro.

Sezione: Politica estera / Data: Gio 10 giugno 2021 alle 09:10
Autore: Giovanni Spinazzola
Vedi letture
Print