"Insisto sulla necessità dell'aggiornamento dei vaccini" anti-Covid. "Stiamo lavorando con i colleghi di Johannesburg, che hanno isolato per primi Omicron, e sperimenteremo con la partecipazione del nostro Governo, del ministero degli Esteri e della Salute che condividono questa nostra collaborazione, un vaccino che ci proteggerà dalla variante Omicron" di Sars-CoV-2. "Un altro passo avanti che la comunità scientifica italiana farà, con i colleghi del Sudafrica". Lo ha sottolineato Francesco Vaia, direttore dell'Inmi Spallanzani di Roma, ieri sera a 'Porta a Porta' su Rai1. "Senza esagerare nell'ottimismo possiamo immaginare che, tra la fine di gennaio e la prima decade di febbraio, possiamo cominciare a svoltare, a fare ingresso nella primavera e poi nell'estate e ad avvicinarci - siccome il virus" di Covid-19 "si è sostanzialmente endemizzato - a quella situazione che molti di noi pensano possa essere di una malattia che sembrerebbe, utilizzo ancora il condizionale ma molti studi lo indicano, avere il carattere della stagionalità". Uno scenario in cui quindi si potrebbe "intervenire soprattutto sulle fasce più deboli, più fragili, e in una fascia di età over 60, per fare una dose di vaccino verso fine anno", ha detto. 
 

Sezione: Altre Notizie / Data: Ven 14 gennaio 2022 alle 10:20
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print