Due nuove moderne apparecchiature per analizzare i tamponi dei test da Covid-19 sono state donate dal contingente italiano dell'Unifil, la forza d'interposizione dell'Onu al confine con Israele, agli ospedali di Tiro e di Bint Jbeil, tra i piu' importanti presidi sanitari del Sud del Libano.
I macchinari sono stati consegnati in una simbolica cerimonia alla quale hanno preso parte il comandante del contingente italiano, generale Andrea Di Stasio, il sindaco di Tiro, Hassan Mohammed Nabouq, il sindaco di Bint Jbeil, Afif Bazzi, e personale sanitario degli ospedali governativi delle due municipalita'. Oltre alla strumentazione, sono stati donati 600 kit diagnostici nel quadro dei progetti di cooperazione civile-militare promossi dal contingente per la lotta all'emergenza Coronavirus nel Sud del paese. L'attrezzatura è stata acquistata con fondi del ministero della Difesa italiano.
 

Sezione: Altre Notizie / Data: Sab 19 settembre 2020 alle 11:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print