"A meno di 24 ore dal ritorno alle lezioni in presenza per la metà degli studenti delle superiori – oltretutto in sole 4 regioni – il governo ci ripensa e convoca il Cts. Ancora confusione, scaricabarile, incertezza e un’assoluta mancanza di rispetto nei confronti di studenti, presidi, insegnanti e personale scolastico in generale che non sanno più se domattina dovranno andare a scuola o restare ancora a casa. E’ l’ennesima riprova della totale incapacità del governo e dei ministri Azzolina e De Micheli di rendere le scuole e i trasporti sicuri dal punto di vista sanitario e la conferma di come anche sulla scuola non ci sia alcuna programmazione, zero visione, si decide il giorno prima per quello successivo. Tirare in ballo i tecnici per non assumersi alcuna responsabilità politica è poi tanto grave quanto ridicolo, è una scelta che, in questi giorni di crisi, dà il giusto polso dello stato di salute di un governo prossimo all’encefalogramna piatto”. Così, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 17 gennaio 2021 alle 16:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print