"Non credo che oggi, nel momento storico che stiamo vivendo, serva una maggioranza raccogliticcia. I numeri al momento non si sono materializzati. Al Senato siamo vicini, ma non è che se arriviamo a 161 risolviamo il problema, siamo onesti".

In un’intervista rilasciata a Repubblica, Bruno Tabacci – considerato tra i registi dell’operazione “costruttori” -, ha fatto il punto sulla crisi di governo.

"Renzi ha fatto un errore politico come quello che fece Salvini l’anno scorso. In più in Senato si è lasciato andare a una polemica personale e velenosa" - dichiara. Non credo ci siano più le condizioni per un dialogo. Con tanti colleghi di IV invece c’è sempre stata collaborazione. Ma se vogliono stare dall’altra parte, ne prendiamo atto. Se è così, guardiamo all’area liberaldemocratica oggi prigioniera di Salvini e Meloni

Conte resta l’elemento imprescindibile di stabilità per la coalizione - prosegue. Ma se la maggioranza non c’è deve prenderne atto prima di mercoledì: deve dimettersi e cercare di costruire un altro governo, con personalità autorevoli. Con un passaggio formale, di chiarezza: chiamiamo tutti alle proprie responsabilità. E se non ci sono le condizioni si va alle urne" - conclude.

Sezione: Politica italiana / Data: Dom 24 gennaio 2021 alle 10:30
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print