Libero in edicola apre con la possibile crisi di governo. "La notte dei lunghi coltelli" è il titolo. "Crisi di governo, dai che ci siamo" si legge nell'occhiello. "Renzi oggi annuncia la fine della maggioranza. Conte non è più disposto a rifare un esecutivo con Italia Viva e ritenta una campagna acquisti fra i senatori per resistere a Palazzo Chigi" è il catenaccio. 

"Ultimo 'regalo' del Consiglio dei ministri: altri 127 miliardi di debiti". 

In taglio medio. 

"Beppe Severgnini". "Il Kapò del Corriere elogia la censura". 

"FdI al 17% a -2 punti dal Pd". "Continua l'avanzata della Meloni". 

"Il bavaglio social". "I nemici di Libero" è l'articolo di fondo. 

Di spalla. "Vietato cantare Faccetta nera". "La bella abissina non piace ad alcun comunista". 

In taglio basso. 

"Sinistra fan dei dittatori". "Però in Parlamento esaltano Mao, Stalin e Breznev". 

"Ristoranti chiusi ma i centri sociali fanno affari". "L'illegalità paga. Intanto lo stato d'emergenza sarà prorogato fino all'estate". 

"La Calabria primeggia. In povertà". "Alla Regione è rimasto il ricordo di Alvaro". 

Sezione: Quotidiani / Data: Mer 13 gennaio 2021 alle 08:00
Autore: Giovanni Spinazzola
Vedi letture
Print