"Nel carcere di Pokrov Navalny lotta con quello che gli rimane, cioè il proprio corpo. A noi il dovere di dare voce alla sua protesta, ché si levi oltre le mura che lo rinchiudono e oltre la coltre di silenzio con cui il regime di Putin vuole soffocarlo" lo scrive Lia Quartapelle (Pd) su Twitter 

Sezione: Politica social / Data: Sab 10 aprile 2021 alle 20:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print