"L’introduzione della doppia preferenza di genere a livello regionale, per le elezioni, è una questione democratica. Governo e Camere hanno fatto la loro parte, introducendo la doppia preferenza di genere per le prossime elezioni regionali di settembre. Ora la Regione Piemonte deve adeguarsi alla normativa nazionale, prima che intervenga il Governo con un decreto e attuando i poteri sostitutivi, come giustamente paventato dal ministro Boccia. Il presidente Cirio ha il dovere di farsi carico di questa necessità, sanando un vero e proprio squilibrio democratico, fuori dalla storia perché non corrispondente al ruolo e all’importanza sociale rivestite dalle donne.

La parità di genere in tutti gli organismi istituzionali, in Parlamento, nel Governo e negli enti locali deve essere un punto centrale e trasversale del dibattito politico. Siamo stanche di aspettare, bisogna agire subito."

Lo dichiarano in una nota le parlamentari piemontesi del Pd Chiara Gribaudo e Anna Rossomando

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 06 agosto 2020 alle 21:45
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print