“Per risolvere l'emergenza immigrazione, la risposta dell'Ue non è fare più controlli, chiudere i porti o fermare le partenze, come chiede la Lega a gran voce da tempo. Al contrario, la soluzione per la Commissione Europea è dare milioni di euro alle Ong e agli immigrati stessi, affinché siano loro a decidere le modalità dell'accoglienza e dell'integrazione: è il contenuto del nuovo bando Ue per un totale complessivo da 37.2 milioni di euro. Al fianco di iniziative di buon senso relative all’accoglienza di chi ha davvero bisogno e di sostegno a chi realmente fugge dalla guerra, una serie di progetti, dai finanziamenti per le Ong e le cooperative a quelli per le organizzazioni sindacali degli immigrati, alquanto discutibili, specialmente in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando. Di fronte alle diffuse difficoltà che colpiscono gli italiani e gli europei per la crisi conseguente all’epidemia, l’Ue dovrebbe rivedere il modo in cui distribuisce i soldi dei cittadini e dare priorità a chi ha davvero bisogno”.

Così in una nota Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega, coordinatrice per Identità e Democrazia nella commissione Libe.

Sezione: Politica italiana / Data: Sab 17 ottobre 2020 alle 00:15
Autore: Ivan Filannino
Vedi letture
Print