“L’Inps, nelle scorse settimane, ha proceduto alla notifica di migliaia di ordinanze e ingiunzioni per mancato versamento delle ritenute. Un provvedimento che si applica qualora non si ottemperi ai versamenti di qualunque importo sotto i 10mila euro, ma che espone il datore di lavoro a sanzioni che vanno tra i 16mila e i 50mila euro. Nel periodo di massima recrudescenza della pandemia, con modifiche repentine della normativa di riferimento, molte PMI si sono trovate a ottemperare a obblighi contributivi senza certezze. Una confusione generale che ha portato molti datori di lavoro a commettere inconsapevolmente errori per importi di solito sotto i 5mila euro. Una sanzione come quella che sta partendo dall’Inps mette a repentaglio la sopravvivenza stessa di molte piccole aziende. Così si uccide l’imprenditoria: dobbiamo sostenere il nostro tessuto produttivo incentivando la creazione di nuovi posti di lavoro, non comminando sanzioni per errori generati da un contesto straordinario. Per questo presenterò una interrogazione al fine di conoscere quali iniziative si intendano adottare, anche di carattere normativo, a tutela delle imprese e affinché la sanzione comminata non si trasformi in una vessazione dal valore triplo all’importo omesso”.

Lo dichiara il deputato della Lega e responsabile del dipartimento Lavoro, Claudio Durigon.

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 27 maggio 2022 alle 13:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print