“Il gas e il nucleare non sono fonti energetiche sostenibili e come tali vanno classificate. Consideriamo dunque come una decisione inevitabile e obbligata quella della Commissione europea di rimuoverle dalla classificazione delle attività economiche sostenibili, proposta che sarà presentata domani. Questa è sicuramente una buona notizia, ma non faremo l’errore di cedere ai facili entusiasmi: non vorremmo infatti che questa decisione venga ridimensionata da una nuova proposta che preveda nuovi criteri negli investimenti legati alla transizione ambientale. Non possiamo obbligare Francia e Germania ad abbandonare la loro strategia energetica basata su nucleare e gas, ma possiamo evitare che queste vengano finanziate con i soldi dei cittadini europei. La posizione del Movimento 5 Stelle è molto chiara su questo e respingeremo ogni tentativo di greenwashing nelle etichettature verdi. Per rafforzare l’impronta ecologia della nostra Europa bisogna puntare sull’idrogeno verde e sulle fonti energetiche rinnovabili, altrimenti rischiamo di mancare gli ambiziosi obiettivi che l’Europa stessa si è posta”, così in una nota Tiziana Beghin, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo

Sezione: Politica italiana / Data: Mar 20 aprile 2021 alle 20:20
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print