"In Commissione Affari Sociali è stato approvato poco fa un emendamento che aggiunge al decreto 83 sulla proroga dello stato di emergenza un importante articolo 1-bis, che riformula un emendamento bipartisan proveniente dal Comitato per la Legislazione. Secondo questo testo le disposizioni del decreto 19, che prevedevano limiti molto forti ai diritti e all'autonomia regionale, si applicano solo in quanto compatibili col successivo decreto 33, che invece aveva allargato le maglie". Lo scrive in una nota Sefano Ceccanti, deputato del Pd. "Detto in termini più semplici, sia il Comitato per la Legislazione sia la Commissione Affari Costituzionali avevano rilevato l'esistenza di una seria difficoltà interpretativa e avevano affermato che la proroga non potesse consentire di tornare ai limiti troppo stretti del decreto 19 per le libertà di riunione, di religione, a lockdown generalizzati e a dare alle Regioni limiti solo in un senso più restrittivo rispetto alle disposizioni nazionali. Si riparte dai limiti ben più favorevoli ai cittadini del decreto 33, che consente alle Regioni di derogare in entrambi le direzioni, sia più restrittiva sia più permissiva. E' importante aver rimosso questa difficoltà con un serio lavoro di interpretazione autentica", ha concluso.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 05 agosto 2020 alle 18:20
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print