"Da troppo tempo, con scuse che sfiorano il ridicolo, il Parlamento italiano è bloccato e non è in grado di esprimersi sulla proposta di legge contro l’omotransfobia. In Italia, così come in troppe parti d’Europa, cresce la paura verso il diverso e l’intolleranza che degenera in violenza. È arrivato il momento di mettere un argine a questa deriva che noi definiamo ‘polacca’, dove il governo sostenuto dal partito Pis, alleati al Parlamento europeo di Giorgia Meloni, promuovono e sostengono leggi e iniziative apertamente discriminatorie nei confronti dei membri della comunità LGBT che vive in quelle aree. Il Movimento 5 Stelle è nato per difendere e ampliare i diritti fondamentali dei cittadini, per questa ragione con convinzione e coerenza chiediamo di fare presto nel riconoscere l’aggravante per chi commette crimini d’odio di stampo omotransfobico. Lo Stato sia dalla parte dei più deboli”, così in una nota Sabrina Pignedoli, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 19 aprile 2021 alle 19:50
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print