Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, ha parlato ai microfoni di Radio 24, nella trasmissione 24 Mattino. "I dati sulle concessioni balneari sono falsi. Concessioni estese al 2033 già nel 2018, legge oggi ribadisce questa cosa. Contestazione europea? Non c'è procedura d'infrazione e se arrivasse sarebbe la 36ima per l'Italia. Attività balneari pagano 12 mesi di tasse rifiuti, ma non lavorano 12 mesi. Quando si parla di attività balneari non c'è solo il canone di affitto, ma tante altre tasse che bisogna calcolare. Quando si parla dei ricavi dei balneari bisogna tenere conto delle tasse che si pagano. In Spagna c'è la possibilità di avere concessioni per decenni, l'Europa non può ritenere che una direttiva valga in un paese si e altro no. Spagna e Portogallo hanno fatto legge con concessioni decennali, non si capisce perché non si passa fare anche in Italia. I prezzi delle concessioni balneari non sono tutti ridicoli e si possono cambiare. Un conto è dire ora si cambiano i prezzi dei canoni, altra cosa è dire, ora si fa una bella gara e magari arriva una multinazionale".

Sezione: Politica italiana / Data: Ven 10 luglio 2020 alle 10:00
Autore: Giovanni Spinazzola
Vedi letture
Print