Il premier Giuseppe Conte, ospite a IlFatto.it dichiara di star "sollecitando i ministri competenti a fare nuove proposte" in merito alla questione Aspi "dato che è necessario chiudere il dossier. Io sono pronto e vorrei definire cosa fare concretamente entro qualche giorno".

"I nostri due livelli di intervento - continua il premier - prevedono in primis misure immediate e in secondo luogo il 'piano rilancio'. Ci saranno le risorse europee, saranno ingenti e noi dovremo dimostrare di saper spendere, cosa che l'Italia non ha dimostrato negli ultimi anni".

Sul tema dell'abbassamento dell'Iva, Conte dichiara che è "possibile una riduzione per un breve periodo di tempo", ma si tratta solo di un'ipotesi.

In merito alla banda larga il Presidente del Consiglio appoggia l'idea di Beppe Grillo e dichiara che "si tratta di una delle modalità che potrebbero essere sperimentate" ma che se si vuole salire al 20.25% si devono "compiere passaggi societari e confrontarsi con società sul mercato". 

Il premier sottolinea poi di sentire sia Beppe Grillo che Nicola Zingaretti volentieri, poichè "sono due uomini che hanno prospettiva e con cui ci si può confrontare per definire approcci strategici". 

Sulla chiusura degli Stati Generali dell'economia Conte appare soddisfatto: "Abbiamo avuto modo di ascoltare le parti sociali, il mondo delle imprese, del terzo settore. Dal confronto è emerso che è utile investire su tutta la filiera produttiva piuttosto che sulle singole aziende. Vedremo anche quante richieste di regolarizzazione arriveranno".
            
 

Sezione: Politica italiana / Data: Lun 22 giugno 2020 alle 18:00
Autore: Camilla Galvan
Vedi letture
Print