"La stagione dei divieti totali e del terrorismo di chi vuole segregarci tutti in bunker di memoria sovietica è terminata. L'ha sconfitta il pragmatismo del presidente Draghi e l'azione del suo governo. Ad una insopportabile eccessiva dose di prudenza si è contrapposta la voce della Lega e di Matteo Salvini. Le riaperture di ristoranti e di altre attività all'aperto sono solo l'inizio; la Lega non smetterà di chiedere ripartenze in sicurezza ma che siano evidenti e sostanziali, chiaramente sempre e solo dove le condizioni sanitarie lo permettano. Ripartire con ragionevolezza significa anche abolire il coprifuoco per ragioni sanitarie ed economiche: con più ore a disposizione si possono evitare assembramenti nei ristoranti e si garantisce maggiore operatività agli esercenti. Infine, come Lega, chiediamo che si consenta agli ospiti delle Rsa di poter riabbracciare i propri cari; si permetta a questi "carcerati innocenti" di tornare a sentire il calore di un abbraccio di un figlio, di un nipote che preventivamente abbiano dimostrato di possedere gli stessi requisiti che hanno dato vita al green pass. Fiducia negli italiani e buonsenso: così riparte il Paese".

Così il senatore della Lega Luigi Augussori, in dichiarazione di voto al Dl Covid oggi al Senato.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 06 maggio 2021 alle 09:40
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print