Lo scostamento di bilancio “ non è stato rimandato per tergiversare, ma perché è uno scostamento che apre il percorso della ripartenza e della fiducia per il nostro Paese. È quindi un'azione che si affianca alle azioni di contenimento del virus, al proseguo della campagna vaccinale ma soprattutto con un obiettivo chiaro: da un lato una immediatezza di un sostegno che le imprese, le famiglie, la popolazione chiedono e di cui hanno evidentemente grande bisogno per la fatica e l'incertezza economica che stanno ancora affrontando a causa delle chiusure. Ma accanto a questo, sostegni che abbiano già una direzionalità di strumenti per la ripartenza”. Lo ha detto a Sky TG24 il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti.

“Dobbiamo attrezzare tutta la popolazione – ha aggiunto -, non lasciare indietro nessuno, per poter affrontare questo momento non solo sostenendo la mancanza di introiti, ma anche per dare gli strumenti necessari per la riattivazione. Le parole crescita economica e fiducia saranno quelle che accompagneranno il prossimo provvedimento”.

“In questo momento credo che dare delle date precise non sia coerente con il fatto che le date vengono determinate proprio nella valutazione passo dopo passo della diffusione dell'epidemia, in base ai dati”. Lo ha detto a Sky TG24 il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti.

“Servono modelli predittivi – ha proseguito - e sulla base di questi si decide. Oggi, anche alla luce delle notizie importanti e rassicuranti che stanno arrivando, possiamo affermare che il piano vaccinale che abbiamo previsto andrà avanti, questo significherà mettere in sicurezza prima di giugno la popolazione più fragile ed esposta a rischi gravi, se a questo si affiancherà una diminuzione degli effetti del contagio potremo anticipare le riaperture. Già questa settimana stiamo facendo una prima rivalutazione dei dati. Sulla base di questi dati vedremo di riaprire, a partire magari dalle scuole”.

Sezione: Politica italiana / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 21:40
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print