"L'obiettivo è superare le 500.000 somministrazioni al giorno entro giugno".

Lo dichiara in un'intervista, oggi su La Stampa, il Generale Francesco Paolo Figliuolo (commissario straordinario per l'emergenza Covid).

"In Italia ci sono circa 43.000 medici di famiglia e 20.000 farmacie, se ogni medico inoculasse dieci vaccini al giorno, otterremmo 430.000 dosi in più alle quali se ne potrebbero aggiungere altre 100.000 per il ruolo delle farmacie. Le previsioni sono approssimative, ma se aggiungiamo a queste proiezioni quello che già facciamo possiamo riuscirci - spiega Figliuolo. Teniamo presente  - prosegue - che i medici di base sono in grado di somministrare ogni anno 8-11 milioni di vaccini antinfluenzali in pochi mesi. I pazienti si fidano di loro, si rivolgono a loro con maggiore disponibilità rispetto a un anonimo seppur efficiente hub vaccinale. L'imperativo categorico è accelerare - spiega. Abbiamo già fatto molto, ma dobbiamo allungare il passo. Giugno è il mese clou, quello giusto per dare la spallata. Sarebbe dunque opportuno che da ciascuna Regione venissero smistati i vaccini per medici di medicina generale e farmacie. Fino ad oggi abbiamo inoculato due dosi di vaccino a quasi 7 milioni e mezzo di italiani, mentre tra chi ha ricevuto solo la prima dose e chi le ha avute entrambe il totale delle somministrazioni ammonta a 24 milioni. Ora puntiamo l'attenzione a quelle Regioni che non hanno ancora raggiunto l'80% degli ultra ottantenni immunizzati".

Sezione: Altre Notizie / Data: Mar 11 maggio 2021 alle 11:20
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print