"Leggiamo sul Giornale di Vicenza che una consigliera comunale della Lega ha paragonato il Green pass alle schedature di Hitler. Noi pensiamo che quella signora non può rappresentare una comunità che, al contrario, aderisce alla vaccinazione con percentuali rilevanti. Ed è paradossale che lo dica una leghista mentre il suo compagno di partito, il presidente Zaia, è tra quelli che impone l’uso del green pass.Una doppia faccia che ha stufato, condita dall’aberrante analogia con il criminale nazista.Zaia deve costringerla alle dimissioni, per indegnità di ricoprire quel ruolo. Diversamente, la sua azione sarà macchiata dal doppiogiochismo del suo partito”. Così il senatore del Pd Vincenzo D’Arienzo.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 16 settembre 2021 alle 15:00
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
vedi letture
Print