“Mentre Matteo Salvini va a processo per aver combattuto il business dell’immigrazione e i trafficanti di uomini, l’Europa, documenti alla mano, continua a girare le spalle all’Italia sull’accoglienza. Ho rivolto un’interrogazione alla Commissione Europea per conoscere i dati sui ricollocamenti dall’Italia all’Europa nel 2020, la risposta Ue lascia perplessi: a fronte di quasi 24mila immigrati sbarcati in Italia nel 2020, al 22 settembre ne sono stati ricollocati in altri paesi europei solo 33. Durante quest’anno sono stati ricollocati anche 302 migranti provenienti da sbarchi avvenuti nel 2019, quindi dopo un anno di accoglienza a spese dello Stato italiano. Sono numeri ridicoli, che confermano il fallimento delle politiche dell’Ue e del Governo italiano sull’immigrazione. La Commissione sottolinea che altri 544 richiedenti asilo sono attualmente in attesa di essere trasferiti dall'Italia. Questa situazione non si può più tollerare e il Patto sull’Immigrazione, anziché dare risposte, complica ulteriormente le cose: un vero disastro che rende il nostro Paese sempre più il campo profughi d’Europa, con il silenzio del Governo. La soluzione è chiudere i porti e fermare le partenze: anziché pensare a smantellare i decreti Salvini, Conte pensi a difendere dignità e sovranità del nostro Paese in Europa”.

Così Silvia Sardone, europarlamentare della Lega.

Sezione: Politica italiana / Data: Gio 01 ottobre 2020 alle 22:45
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print