Il blackout di New York del 1977 fu un black out che colpì la città di New York dalla sera del 13 luglio al tardo pomeriggio del 14 luglio 1977, quasi ventiquattro ore di 'buio' durante le quali la città vide disordini e saccheggi dilagare ad ogni angolo di strada.

Quasi tutta l'area urbana venne interessata dall'interruzione dell'energia elettrica, ad eccezione di alcuni quartieri del distretto del Queens.

Il blackout ebbe inizio intorno alle 21.30 del 13 luglio, e fu provocato dall'avaria causata da alcuni fulmini che si abbatterono su una sottostazione della compagnia Con Edison e su alcune linee ad alta tensione. L'avaria si riverberò a cascata su tutto il sistema di trasmissione dell'energia elettrica della città. 

Le procedure di emergenza vennero immediatamente attivate, ciò nonostante la fornitura di energia elettrica ritornò ai livelli normali solo durante la serata del 14 luglio.

Quello che più caratterizza il lungo balck out del 13 luglio 1977 fu che avvene al culmine di una lunga fase di decadenza, la città di New York era stata duramente colpita dalla delinquenza di strada, dalle  gang, inoltre stava fronteggiando una seria crisi fiscale ed era colpita da alti livelli di disoccupazione.

Durante le ore di oscuramento in alcuni quartieri della città si scatenarono vere e proprie rivolte urbane, con scontri per le strade e razzie. I rivoltosi, per la maggior parte residenti nei quartieri poveri della città, inondarono le vie della città e, indisturbati, per tutte le quasi 24 ore della durata del blackout, appiccando oltre mille incendi e danneggiando e derubando circa 1.600 esercizi commerciali.

Alla fine dell'evento la polizia cittadina aveva effettuato circa 3.700 arresti per i vari reati commessi durante le sommosse; il bilancio finale dei danni provocati dal blackout e dai tumulti collegati fu di circa 300 milioni di dollari dell'epoca. 

A causa dell'interruzione della fornitura di corrente elettrica, furono chiusi anche i due principali aeroporti cittadini, Kennedy e La Guardia; analogamente venne colpito lo Shea Stadium, dove stava giocando la squadra di baseball della città, i Mets.Durante il blackout inoltre non funzionò la metropolitana e vennero chiusi i tunnel per mancanza di ventilazione.

Sezione: RicorDATE? / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 08:00
Autore: Camilla Galvan
Vedi letture
Print