Il 6 giugno 2016 è il giorno di una piccola rivoluzione in Italia. Da quella data è infatti entrata in vigore la legge sulle Unioni Civili. Si tratta di un istituto giuridico di diritto pubblico, analogo al matrimonio, comportante il riconoscimento giuridico della coppia formata esclusivamente da persone dello stesso sesso e finalizzato a stabilirne diritti e doveri reciproci. Tale istituto estende alle coppie omosessuali la quasi totalità dei diritti e dei doveri previsti per il matrimonio (fatta eccezione per l'obbligo di fedeltà e alla possibilità di adozione), incidendo sullo stato civile della persona. L’unione civile tra due persone, maggiorenni, avviene di fronte un ufficiale di stato civile e alla presenza di due testimoni e viene registrata nell'archivio dello stato civile. In Italia questo istituto giuridico è stato introdotto grazie alla legge Cirinnà, dopo un complicato iter legislativo.

Sezione: RicorDATE? / Data: Sab 06 giugno 2020 alle 08:00
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print