Il pugile Muhammad Ali viene riconosciuto colpevole di avere violato le leggi che obbligano alla leva militare. Il rifiuto all'arruolamento per la campagna americana in Vietnam gli è costato la revoca del titolo di campione del mondo, della licenza per i combattimenti, la condanna a cinque anni di prigione e diecimila dollari di multa.

Sezione: RicorDATE? / Data: Sab 20 giugno 2020 alle 09:52
Autore: Politica News Redazione
Vedi letture
Print