Il 18 maggio 1999 Carlo Azeglio Ciampi ha iniziato il suo mandato come decimo presidente della Repubblica Italiana, ricoperto fino al 15 maggio 2006. La sua candidatura venne avanzata da un vasto schieramento parlamentare, in particolare dall’allora presidente del Consiglio Massimo D’Alema. Essendo stato una figura fondamentale per l’adozione dell’euro godette anche dell’appoggio del mondo economico e finanziario, oltre che della stima dell’Unione Europea. Ciampi ebbe sempre un alto indice di gradimento popolare nel corso della sua presidenza, oscillando in media tra il 10 e l’80%. Nel 2006 con una nota ufficiale del Quirinale Ciampi confermò la sua indisponibilità a un settennato-bis per via dell’età avanzata e perché convinto che “il rinnovo di un mandato lungo, quale è quello settennale, mal si confà alle caratteristiche proprie della forma repubblicana del nostro Stato". Ciampi è morto il 16 settembre 2016 all’età di 95 anni dopo una lunga malattia.

Sezione: RicorDATE? / Data: Lun 18 maggio 2020 alle 08:00
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print