Libero in edicola oggi si sofferma sui provvedimenti del governo. "Richiudono tutto, pochi vaccini" è il titolo. "Il nuovo governo come il vecchio" si legge nell'occhiello. "Il primo Consiglio dei ministri di Draghi rinnova tutti i divieti. L'obiettivo stavolta è riaprire a Pasqua. Ma senza profilassi non sarà possibile uscire da questa situazione" è il catenaccio. 

In taglio medio. 

"Troppo allarmismo: la gente non crede più ai virologi". "Cresce la disobbedienza popolare". 

"Lettera di 67 togati a Mattarella per denunciare il caos nelle Procure". "I giudici si accorgono che la giustizia non va". 

"Le spese della Lamorgese al Viminale". "L'ufficio da mezzo milione del ministro". 

"Reperto archeologico". "Festival della noia a Sanremo" è l'articolo di fondo. 

Di spalla. "Produttori sotto accusa". "L'assurda pretesa di non pagare chi fa gli antivirus". 

In taglio basso. 

"L'attentato all'ambasciatore italiano in Congo". "Se muore un autista nero a nessuno frega nulla". 

"Ignorati da Sala". "Milano lascia i suoi tassisti senza gabinetto". 

Sezione: Quotidiani / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 08:00
Autore: Giovanni Spinazzola
Vedi letture
Print