Libero in edicola apre commentando il nuovo Dpcm. "E' peggio di prima" è il titolo. "Conte: la vita finisce alle 6 di sera" si legge nell'occhiello. "Palazzo Chigi chiude ristoranti e bar alle 18 e ferma lo sport. Promette come risarcimento soldi che non ha e ci blinda fino al 24 novembre. Ma anche sulla data si sente puzza di fregatura" è il catenaccio. 

"Divieti folli". "La velleità al potere" è l'articolo di fondo. 

In taglio medio. 

"Sileri, viceministro della Sanità, è stufo". "Lascerò il governo per lavorare con Zangrillo". 

"Come al solito gli esercenti sono penalizzati". "Li hanno vessati con norme sanitarie costose e severe e adesso li serrano". 

"Manca un piano per assistere i malati in casa". "L'unica cosa utile non viene fatta". 

Di spalla. "Ci trattano come bambini". "Le solite balle per tenerci buoni: a Natale liberi". 

Sezione: Quotidiani / Data: Lun 26 ottobre 2020 alle 08:00
Autore: Giovanni Spinazzola
Vedi letture
Print