"Caro Mattarella, mi faccia la grazia: fucilatemi". Così apre l'edizione odierna de Il Riformista. La lettera choc dell'ergastolano. Tiziana Maiolo racconta la storia di Salvatore Cappello, detto Turi, "ex" boss della mafia catanese.

"Un morto che cammina", l'editoriale di Gioacchino Criaco.

Di spalla la fotonotizia: "Palamara mi disse «Il mio informatore è Pignatone»". L'interrogatorio del pm Fava. In taglio basso l'editoriale del direttore Piero Sansonetti: "Olio di ricino per Giorgio Gori".

Sezione: Quotidiani / Data: Mer 08 luglio 2020 alle 06:30
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print