"Più passano i giorni e più risulta farsesco il trionfalismo con il quale il Governo Meloni ha presentato la rimodulazione del Pnrr. A pagarne le conseguenze, dopo i tagli già inflitti dalla Legge di bilancio, è ancora una volta la sanità, come dimostra un nuovo studio della Fondazione Gimbe. Con i tagli al Pnrr si perdono infatti 500 tra ospedali e case di comunità; si ridimensionano gli interventi di messa in sicurezza antisismica degli ospedali; si riducono di 808 unità i posti letto in terapia intensiva. Come se la pandemia non avesse insegnato niente, come se non fosse mai esistita". Lo scrive in un post su Facebook Mariolina Castellone (M5S), vicepresidente del Senato. 



"Il Governo, ormai campione di giravolte e promesse mancate, fa il solito gioco delle tre carte. Dice che le risorse per case e ospedali di comunità saranno recuperate dai fondi per l'edilizia sanitaria. Fondi che però servivano per ristrutturare gli ospedali fatiscenti e che ora andranno spostati su un altro capitolo. La realtà è che, come per il taglio di 10 miliardi di progetti dei Comuni, e come per il taglio secco di 100mila nuovi posti negli asili nido, anche in questo caso sul piatto restano sempre e soltanto tagli, accompagnati da promesse di futuri rifinanziamenti. Promesse, appunto", aggiunge. 

Sezione: Politica social / Data: Ven 01 dicembre 2023 alle 18:50
Autore: Redazione Centrale
vedi letture
Print