"'Capisco la posizione della moglie di Navalny, bisogna fare chiarezza. Ma la fanno i medici, i giudici, non la facciamo noi'. Questo, avrete capito, è Salvini. Pur di non mettere in mezzo Putin, sul delitto Navalny, chiama in causa i giudici. In Russia, in una dittatura.

Gli stessi giudici che hanno mandato in carcere in Siberia un leader d'opposizione solo perché aveva le sue idee e l'ardire di poter partecipare ad elezioni democratiche. I giudici di un regime dittatoriale che non si sono mai preoccupati di perseguire i responsabili dell'avvelenamento di Navalny. Ma di quale diavolo di giustizia parla Salvini? Ma ci faccia il piacere". Lo scrive su X il capogruppo di Iv alla Camera, Davide Faraone

Sezione: Politica social / Data: Mar 20 febbraio 2024 alle 18:10
Autore: Redazione Centrale
vedi letture
Print