"La gente è maligna: gli uffici hanno semplicemente compilato l'istruttoria attribuendo a mia figlia il punteggio che le spetta, un punteggio alto dovuto al fatto che ha una madre che lavora all'estero e un padre che fa il pendolare. Ma il bene di mia figlia viene prima di tutto e dopo queste polemiche abbiamo deciso di ritirarla da quell'asilo. Perché non vorrei mai che venisse additata, falsamente, come 'la figlia di' che ha ottenuto privilegi". Così su Facebook l'europarlamentare leghista Susanna Ceccardi, candidata alla presidenza della Toscana, dopo il caso sulla graduatoria per gli asili nido a Cascina (Pisa), comune di cui è stata sindaco. Precisando che guadagna "abbastanza", ma non "20.000 euro al mese", motivo per cui avrebbe "pagato retta piena non avendo diritto" a contributi, Ceccardi spiega: "Mia figlia ha 9 mesi, io sono all'estero quattro giorni a settimana ed è capitato che non la vedessi anche per 15 giorni di fila. Ho ricominciato a lavorare a tre settimane dal parto. Andrea", il suo compagno, "è un pendolare, lavora a Firenze e sta terminando congedi e ferie per potersi prendere cura della bimba. Ho fatto domanda per quell'asilo nido perché è l'unico a gestione diretta del Comune, conosco la professionalità delle insegnanti e mi faceva piacere dare questa offerta formativa a mia figlia".

Ora, afferma, sceglierà un nido privato. Sul caso interviene l'assessore ai servizi educativi di Cascina Lenardo Cosentini, candidato leghista alle comunali: "La nostra scelta su asili e graduatorie per l'accesso - spiega - è stata e continuerà ad essere una scelta di campo: a favore dei bambini, delle famiglie che ancora oggi fortunatamente lavorano e delle mamme che decidono, dopo una gravidanza, di continuare a lavorare". E "Il reddito non costituisce criterio premiante per l'accesso", ma è "solo un indicatore per stabilire, una volta entrati" la retta. "Strumentalizzare a fini elettorali - conclude - le scelte private di una famiglia nell'esercizio di un suo diritto acquisito, cui peraltro, proprio per tutelare la bambina, ha deciso di rinunciare, lascia allibiti".

Sezione: Politica social / Data: Ven 10 luglio 2020 alle 19:20
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print