“14 nomine tutte al maschile, nessun rispetto per la parità di genere. Una vergogna. Le nomine per il Cda di Veronafiere e la presidenza al leghista Bricolo rispondono solo a una bassa logica spartitoria a pochi giorni dal voto. Nessun reale interesse per la città. Sarebbe peraltro stato corretto rimandare a dopo il voto, ma purtroppo questo è il metodo Sboarina”.

Lo dichiara la deputata democratica Beatrice Lorenzin.

Sezione: Politica locale / Data: Lun 23 maggio 2022 alle 21:10
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print