"È il secondo scandalo che travolge l'amministrazione Zaia in meno di una settimana. Stiamo ancora aspettando i bonifici delle indennità di trasferta indebitamente percepiti dai consiglieri regionali Veneto, quando ecco che scoppia il caso dei furbetti dei 600 euro. Ma che razza di politici sono coloro che intascano un bonus destinato ai lavoratori a causa Covid? È una solenne presa in giro, poi, la giustificazione secondo la quale gli accrediti nei loro conti correnti siano avvenuti 'a loro insaputa'". Lo sostiene Enrico Cappelletti, candidato presidente M5s alle regionali in Veneto, in merito al caso della richiesta del bonus partite Iva da 600 euro. "La Lega e i consiglieri regionali che hanno incassato i 600 euro del Governo lamentavano da mesi - a reti unificate - che non arrivavano i contributi dello Stato. Mentivano ai cittadini due volte: la prima sull'incasso degli aiuti - aggiunge - e la seconda sul fatto che dal Governo non arrivasse nulla." Per Cappelletti "approfittare dell'emergenza per ottenere un vantaggio ingiusto non è etico, anzi rende questo comportamento ancora più ripugnante. Mi complimento con i vertici Inps che sono stati in grado di rilevare queste assurdità. È giusto che se qualche politico sbaglia, anche se del Movimento 5 Stelle, sia chiamato a risponderne davanti ai cittadini".

Sezione: Politica locale / Data: Mar 11 agosto 2020 alle 13:10
Autore: Rosa Doro
Vedi letture
Print