"Appena terminato un Congresso di idee, di prospettiva e visione, la Forza della libertà e della concretezza ha ottenuto un risultato sicuramente positivo in Sardegna, viste anche le molte civiche, che in generale dobbiamo saper attrarre nel nostro progetto di movimento popolare. Non sono solo i sondaggi a dirlo, abbiamo la riprova dalle urne: nessuno è riuscito a prosciugarci, come si sentiva spesso dire, anzi è successo l'opposto. Stiamo lavorando bene ma dobbiamo continuare a strutturarci con un lavoro costante sui territori, con pazienza e continuità, allargandoci alle persone della società civile: è l'unica strada da percorrere". Lo afferma l'On. di Forza Italia Erica Mazzetti, responsabile dipartimento lavori pubblici, che poi aggiunge: "Nella coalizione siamo sempre capaci di fare un passo indietro come ci ha insegnato Berlusconi che sapeva valorizzare tutti, anche chi aveva meno voti, senza imporre dall'alto. Non me la sento di dare la colpa al nostro candidato che si è speso e ci ha messo la faccia ma è chiaro che quando si prendono meno voti delle liste un problema c'è e va affrontato e risolto, anche in vista delle prossime regionali in Abruzzo e Basilicata".

"Oggi il Centrodestra - spiega Mazzetti - deve essere in grado di fare una riflessione franca e serena, non le pensose 'analisi della sconfitta' care alla sinistra né tantomeno fare scaricabarile. Vinciamo insieme e governiamo, perdiamo sempre insieme. E può succedere di perdere, in questo caso pure di poco, ma se ne devono capire le ragioni, con l'obiettivo di tornare a vincere presto". "Non dobbiamo dimenticare mai - ricorda Mazzetti - che il nostro Paese vive un momento complesso, tra prezzi al rialzo, l'inflazione che morde, mutui alle stelle, proteste contro le politiche scellerate della Ue in un settore determinante per la nostra vita come l'agricoltura, due guerre vicine, che porta molti a essere insoddisfatti e scontenti, anche se il governo di Centrodestra sta facendo un grande lavoro tangibile darà i suoi frutti nel medio lungo termine". "Ecco perché - conclude - dobbiamo sapere ascoltare e portare nelle Istituzioni queste richieste e rispondere con politiche concrete, come è nella storia e nel dna di noi azzurri".

Sezione: Politica locale / Data: Mar 27 febbraio 2024 alle 14:24
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print