"I recenti, gravissimi, episodi di illegalità a Settecamini, nel IV Municipio, hanno costretti i cittadini ad organizzare la sicurezza privata autofinanziata. Tutto questo a causa della chiusura della caserma dei carabinieri di via Rubellia n.6, avvenuta nel 2018 con la complicità del Comune di Roma, che non è stato in grado né di intervenire preventivamente sui locali deteriorati che la ospitavano né di trovare una soluzione alternativa".  A denunciarlo in una nota sono Fabrizio Santori e Monica Picca, dirigenti romani della Lega Salvini Premier.

"I residenti di Settecamini subiscono furti e danneggiamenti continui alle proprie auto nei box condominiali e lungo le pubbliche vie. Inascoltate peraltro appaiono le denunce e gli appelli dei comitati di quartiere anche sui numerosi furti nelle abitazioni e negli esercizi commerciali soprattutto nelle ore notturne,  danneggiamenti a cose e aggressioni nei pressi della scuola a danno dei minori. Non dimentichiamo inoltre che la vicenda è oggetto di una petizione di iniziativa popolare prevista dal Regolamento di Roma Capitale, senza che ci sia stata alcuna risposta da parte delle Istituzioni competenti".

"Ci appelliamo innanzitutto al Ministero dell'Interno affinchè intervenga per riorganizzare le Forze dell’ordine sul territorio e l’aumento dei passaggi nel quadrante per un primo utile intervento in attesa della ristrutturazione dell'edificio storicamente adibito a caserma ma allo stesso tempo al sindaco Virginia Raggi per dare una risposta ai residenti che hanno già inviato un elenco di altre strutture in loco idonee ad ospitare, in via temporanea, il presidio di polizia". Concludono gli esponenti della Lega.

Lo comunicano in una nota Fabrizio Santori e Monica Picca, dirigenti romani della Lega Salvini Premier.

Sezione: Politica locale / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 07:00
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print