“Il giudizio di parifica quest’anno assume una valenza ancora più importante perché certifica che gli sforzi organizzativi compiuti in questi anni, per il miglioramento della gestione del bilancio, sono serviti anche ad affrontare un’emergenza sanitaria, economica, sociale imprevedibile” – commenta l’Assessore alla Programmazione economica, Bilancio e Patrimonio, Alessandra Sartore.
 
“Accogliamo, come sempre, i suggerimenti da parte della Corte dei Conti. In riferimento alla riserva della Corte sul fondo rischi contenzioso, - ha sottolineato l'Assessore - già in sede di assestamento di bilancio avremo modo di correggere; per quanto riguarda invece l'esclusione della parifica sul capitolo del trattamento di fine servizio, non possiamo che aspettare il giudizio della Corte costituzionale sull'Emilia Romagna”.
 
“Siamo al settimo giudizio di parifica, dalla prima legislatura del Presidente Zingaretti -  conclude Sartore - un altro tassello che aggiungiamo al nostro quotidiano e costante lavoro di quadratura dei conti che ci ha consentito anche di uscire dal commissariamento della sanità dopo dodici anni. Il binario entro cui ci muoviamo, di risanamento, di programmazione unitaria e quindi di nuovi investimenti in settori strategici, trova un naturale sbocco nella nuova Legge di contabilità regionale, che più volte la stessa Corte dei Conti ci ha sollecitato ad adottare, e che è ora iscritta nell’agenda dei lavori del Consiglio. E’ punto di arrivo di un percorso di risanamento complessivo del bilancio regionale avviato ormai da alcuni anni”.

Sezione: Politica locale / Data: Ven 31 luglio 2020 alle 18:10
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print