“Perplesso e dispiaciuto, ma non stupito, dalle dichiarazioni della consigliera Canalis sul protocollo d’intesa sottoscritto questa mattina dalla Associazione Aief e dalla garante per l’infanzia e per l’adolescenza Serra. La Canalis, nel ruolo istituzionale che ricopre, dovrebbe essere più accorta nel scegliere le parole di commento ad un evento al quale non ha preso parte. È auspicabile, infatti, prima di rilasciare dichiarazioni ai cittadini, essere informati in modo serio e approfondito del tema oggetto di dibattito. Purtroppo non è stato questo il metodo adottato dalla consigliera Canalis che ha espresso giudizi, ad esempio, sul vademecum, progetto dell’associazione Aief realizzato in collaborazione con la garante e professionisti qualificati, senza avere avuto la possibilità di leggerne una sola pagina. Il vademecum, infatti, non è ancora stato divulgato! È un dato, però, che abbia ricevuto il sostegno di numerose istituzioni che hanno avuto modo di leggerlo in anteprima, tra cui la presidente del Senato Casellati. Se la Canalis conoscesse l’impegno dell’Associazione Aief sul territorio saprebbe bene come la collaborazione tra la nostra associazione e la garante sia proficua e presente , con l’unico impegno comune rivolto alla tutela dei diritti dei minori.  È allarmante, questo sì, che si tenti sempre di gettare sul terreno di scontro partitico il tema dell’infanzia dell’adolescenza. Il richiamo di Papa Francesco e del presidente Draghi agli Stati della natalità ci ricorda come la politica dovrebbe essere unita tutta in un unico obiettivo: salvaguardare l’infanzia adolescenza, che rappresenta il futuro della nostra nazione.” Lo dichiara Tommaso Varaldo, Presidente dell’associazione infanzia e famiglia AIEF

Sezione: Politica locale / Data: Dom 16 maggio 2021 alle 18:30
Autore: Redazione PN
Vedi letture
Print